venerdì 1 agosto 2014

Un giorno a Merano tra arte, terme ed atmosfere retrò

Una bella giornata di sole inizia a Merano con una ricca colazione presso il Coffee Art situato al piano terra dell'Hotel Imperial Art ed aperto al pubblico, non solo agli ospiti dell'albergo.
Cappuccini, the caldo e spremute sono accompagnate da brioches e  meravigliose fette di torte, inoltre è disponibile un piccolo buffet di frutta fresca, marmellate, pane, biscotti ecc. Una particolare attenzione è riservata al caffè che proviene da piantagioni selezionate ed all'interno del locale si può ammirare una interessante collezione di caffettiere di Bialetti ed Alessi.



E' bello prendersi il tempo di leggere un giornale qui nel cuore di Merano, circondati da edifici storici come il Kurhaus che si trova a pochi passii e che proprio quest'anno celebra il centenario dalla sua inaugurazione (se volete approfondire vi consiglio questo link).



Oggi la nostra giornata prosegue con una visita al Kunst Merano Arte, uno spazio dedicato all'arte contemporanea aperto tutto l'anno e nato per ospitare mostre di architettura, arte figurativa, fotografia e così via.
Fino al 7 Settembre 2014 è possibile visitare l'interessantissima mostra "Alpi, Architettura, Turismo. L'esempio altoatesino." un interessantissimo excursus sulla storia dell'ospitalità montana dal punto di vista architettonico. La mostra presenta le architetture del settore turistico, dalla semplice pensione all'albergo più illustre, passando dagli impianti di risalita fino alle sculture d'architettura di Passo Rombo. 



La visita risulta molto piacevole e di grande impatto visivo. Sono rimasta molto colpita dalla sede espositiva e dall'allestimento che prevede anche interessanti punti di ascolto dove vengono raccontati progetti e retroscena delle ristrutturazioni alberghiere direttamente dai proprietari. Da appassionata di hotels ho trovato la mostra davvero imperdibile.

Merano offre la possibilità di vivere un week-end a 360°. Il pomeriggio, infatti, io e G. ci siamo regalati qualche ora di relax e benessere all'interno delle Terme di Merano. L'ingresso alle Terme è incluso nel soggiorno all'Hotel Imperial Art, un vero vantaggio! Già in albergo, infatti, ci hanno fornito il badge per entrare al complesso termale saltando la fila e ci hanno fornito di borsa con accappatoio, telo e ciabattine: credetemi, una vera comodità.
Le Terme di Merano distano solo poche centinaia di metri dall'Hotel e si raggiungono attraverso il ponte sopra il fiume Passirio.



Nel moderno complesso termale e nel bellissimo parco ci aspettano ben 25 tra piscine e vasche: dalla piscina fitness alla piscina con acqua salina, da quella con la musica subacquea alle vasche di acqua calda e fredda per finire con le Whirlpool. Sono presenti anche piscine adatte ai più piccoli.
Da provare è quella per il nuoto controcorrente situata nel parco e in assoluto quella termale perfetta per chi soffre di dolori articolari.



Io ho amato in modo particolare la quiete attorno al lago circondato da un prato all'inglese dove è un vero piacere camminare scalzi.
Ovviamente non mancano le saune  che aiutano a rinforzare il sistema immunitario.
Un pomeriggio trascorso qui alla Terme di Merano è un'esperienza davvero rigenerante.



Per concludere in bellezza la giornata abbiamo cenato presso il Ristorante dell'incantevole Hotel Europa Splendid esempio di Art Nouveau, situato a pochi metri dal nostro albergo. 



Qui ho respirato davvero un'atmosfera d'altri tempi: lo stile Liberty trionfa tra elegante stoffa da parati, lampadari in cristallo, grandi finestra con intarsi di vetro colorato, abat-jour, un grande buffet al centro del ristorante come ben si addiceva all'epoca retrò che tanto amo. La cena si è composta di una serie di portate che hanno deliziato il nostro palato, servite da un personale impeccabile.



Per una sera ho "provato l'ebrezza" di catapultarmi negli anni '20 tanto è vero che mio marito, usciti dal ristorante mi ha detto " adesso ti manca solo un abito tutto piume e frange , un'auto alla Grande Gatsby e potremmo andare a concludere la giornata in una sala da ballo a ballare il Charleston" ...provare per credere!

Merano non ha ancora finito di stupirmi...vi aspetto presto per portarvi sulle orme della Principessa Sissi!


lunedì 28 luglio 2014

Dove Merano incontra l'arte: Boutique Hotel Imperial Art

L'Imperatrice Sissi, Franz Kafka, Peggy Guggenheim sono solo alcuni dei personaggi illustri che hanno scelto l'incantevole Merano per trascorrere periodi di cura o di svago, attratti dal suo invidiabile clima mediterraneo, insolito per una città situata nel cuore delle Alpi.



Anche io e G. ci siamo concessi un week-end estivo qui a Merano desiderosi di scoprirne gli aspetti legati all'arte ed alla natura e così abbiamo soggiornato presso il 
Boutique & Design Imperial Art Hotel situato proprio nel cuore della città.
E' infatti lungo il centrale Corso Libertà che si scorge la sua facciata liberty originale del 1899 che è occupata in parte dall'ingresso del Coffee Art nato dal recupero del celebre Caffè Westmister punto d'incontro da sempre dell'élite intellettuale meranese.



L'Imperial Art Hotel si compone di 12 camere artistiche, ognuna diversa dall'altra e create dal genio di tre famosi artisti meranesi e dall'entusiasmo del nuovo proprietario Alfred Strohmer.



Noi abbiamo alloggiato nella stanza n°33 "ALLUMINIUM" realizzata dall'artista Ulrich Egger affascinato in maniera struggente dal mondo industriale dal quale trae ispirazione. I suoi ambienti diventano luoghi in cui egli unisce arte e realtà...e così anche noi per due giorni ci siamo immersi nel suo mondo, avvolti dai dettagli della nostra stanza. 



Una parete di vetro latteo illuminata divide l’entrata dalla camera. Un enorme armadio del colore d’argento su delle rotelle dá subito all’occhio. Simboleggia la societá moderna, frenetica ed anonima. Il letto, i comodini e la scrivania dello stesso legno sembrano un’unitá legata al pensiero delle trasformazioni del mondo industriale. Dietro il letto schiarisce la parete argentata tutta la camera di Egger. La vera chicca della camera è la scultura di colore d’argento in qui Egger ha elaborato l’apparecchio televisivo. Lui vuole togliere l’impressione al cliente che il televisore è un qualcosa indispensabile, dunque lo nasconde nella sua scultura sottoponendolo ad una sua fotografia. Vicino è appeso un pomposo smalto in bianco che unisce il colore freddo all’eleganza morbida e esclusiva. Il bagno in pietra naturale chiara dispone di una vasca insolita ma orginale, assimetrica e doccia separata.



L'Hotel ci accoglie con tutti i comfort: un bollitore con tisane e the alto atesini, acqua naturale e qualche dolcetto. Inoltre è presente un fornitissimo minibar con prodotti dell'Alto Adige ed un profumatissimo set cortesia firmato ETRO. La vera chicca sono i nuovissimi tablet a disposizione per navigare su internet o leggere i quotidiani.



Un ampio balcone regala confortevoli momenti di relax all'aria aperta grazie ai bellissimi arredi di Moroso.



Entusiasta della mia camera non vedo l'ora di poter scoprire le altre! Gli hotel con camere personalizzate e diverse una dall'altra sono il mio debole.. siete pronti a scoprirne qualcuna con me? ( Nel sito ufficiale è possibile visionarne una ad una e conoscerne la storia artistica)



Un soggiorno presso questo hotel unico nel suo genere ben si presta per festeggiare qualche occasione speciale o ricorrenza. Ad esempio un anniversario di matrimonio.
Barbara e Davide, l'eccezionale personale dell'hotel, sono pronti a soddisfare ogni richiesta...ad esempio noi abbiamo visto la bellissima camera Thermae pronta per accogliere un anniversario di matrimonio con fiori freschi e candele!



Dopo aver scoperto questo scrigno di arte ed ospitalità nel cuore di Merano siamo pronti per esplorare la città: vi aspetto nel prossimo post!


sabato 19 luglio 2014

Avoriaz, slitte, silenzio e tanta neve


Immaginate di arrivare con gli sci fino all'ingresso del vostro albergo o di cimentarvi in divertenti discese in mountain bike dalle vette montane fino alla vostra sistemazione senza alcun intralcio da parte degli automobilisti… sembra un'utopia? 
Organizzando una vacanza in montagna ad Avoriaz scoprirete fin dal vostro arrivo quanto tutto questo possa essere reale. 


Questa nota località francese è infatti interamente chiusa al traffico e le auto vengono sostituite da mezzi ecologici e alternativi, come i cavalli e in inverno le slitte trainate dai cani...immaginate che atmosfera surreale e che silenzio!
Nel cuore dell'Alta Savoia, a 1.800 metri di altezza, Avoriaz è una famosa destinazione montana che attira visitatori da tutta Europa sia in inverno sia nella bella stagione. La cittadina è stata progettata a scopo puramente turistico, come dimostra la sua ricca offerta di sistemazioni, che la rende una meta abbordabile anche per chi ha un budget limitato. Non mancano infatti le promozioni con hotel a buon prezzo, come le  offerte in montagna ad Avoriaz di Expedia, l'ideale per regalarsi un indimenticabile viaggio a contatto con la natura.

Avoriaz non solo sci
Nota per le sue splendide piste, Avoriaz è la destinazione ideale anche nella bella stagione. Il comprensorio sciistico, infatti, si trasforma in una delle principali aree per la discesa in mountain bike, offrendo percorsi per ogni livello di difficoltà.
Nei mesi estivi è possibile anche prendere lezioni di mountain bike nella scuola di sci locale, che offre anche un servizio di noleggio biciclette. Se preferite camminare, potrete approfittare delle cabinovie e seggiovie aperte tutto l'anno per raggiungere le vette delle Alpi, ammirando paesaggi mozzafiato. Da non perdere anche gli itinerari che combinano natura e cultura, come il percorso alla scoperta della miniera di Lapiaz, attiva dal 1956 al 1963. Gli appassionati di golf potranno perfezionare il proprio swing su un moderno campo a 9 buche, mentre le famiglie con bambini apprezzeranno i tour organizzati alla fattoria Séraussaix, dove è possibile seguire tutto il percorso di produzione e vendita del formaggio. 


Inverno sulla neve
Che vi piaccia sciare o meno, un weekend in montagna ad Avoriaz in inverno non può che essere all'insegna della neve. Questa cittadina francese, infatti, consente un rapido accesso ai pendii innevati e agli impianti di risalita del noto comprensorio sciistico Portes du Soleil. Qui sciatori più o meno esperti potranno mettersi alla prova su ben 650 chilometri di piste e approfittare di seggiovie e skilift moderni ed efficienti. Potrete scegliere tra discese di varia difficoltà, inclusa la famosa pista dell'Abricotine. La nota Coupe du Monde, invece, è consigliabile solo ai professionisti della discesa libera. Questa pista deve il suo nome alle competizioni sportive che vi si sono svolte in passato ed è una delle più difficili data la sua considerevole altitudine, ma per la stessa ragione è considerata anche una delle piste più spettacolari, grazie a una vista mozzafiato sulle vette francesi. Se amate la neve ma avete appeso da tempo gli sci al chiodo potrete cimentarvi con interessanti escursioni con le ciaspole o partecipare a tour in elicottero e in mongolfiera, ammirando una vista spettacolare che va dal versante francese del Monte Bianco al Lago di Lemano in Svizzera. 



Come raggiungere Avoriaz
Avoriaz è facilmente raggiungibile in auto dalle principali città italiane. È sufficiente raggiungere l'autostrada Torino-Aosta, attraversare il traforo del Monte Bianco e poi proseguire verso Morzine. In alternativa, è possibile prenotare un volo in partenza da Roma o Milano e diretto all'aeroporto di Ginevra-Cointrin, per poi proseguire in autobus fino a destinazione. Se preferite viaggiare in treno, le stazioni ferroviarie più vicine sono Stazione di Cluses e Thonon-les-Bains, ben collegate ad Avoriaz con un servizio di autobus. In inverno l'Alta Savoia è un must da non perdere!