Viaggio nel Sud degli Stati Uniti: le plantations homes

“Dopotutto, domani è un altro giorno…”

sono sicura che al solo udire questa frase anche la vostra mente vola alle piantagioni del sud degli Stati Uniti, campi assolati dove gli schiavi neri coltivavano riso, cotone e tabacco per ricche famiglie di possidenti terrieri. Molte delle residenze, chiamate “plantation homes” nelle quali vivevano questi ricchi, sono diventate vere e proprie attrattive turistiche. Così affascinanti che meritano un viaggio..ma finchè non vi sarà possibile organizzarlo, sognate con me un’irresistibile tour immaginario alla scoperta delle più belle plantation homes!

L’Alabama offre diverse plantation homes. Molte di queste oggi sono residenze private ed è quindi possibile vederle solo da fuori ma 4 sono siti storici riconosciuti. Tra queste quella che preferisco è Wheeler Plantation a Hillsboro.

Wheeler

Risale al 1870 e fu di proprietà del Generale Joseph Wheeler, la casa padronale in stile vittoriano è inclusa in una piantagione di 20 ettari insieme ad altri edifici storici, un ampio giardino e 3 cimiteri di cui uno di africani americani ed uno di nativi americani. In questa piantagione lavorarono almeno 56 schiavi neri che si occuparono di pulire e preparare il terreno, piantare e coltivare il cotone e costruire gli edifici. Vengono organizzati tour guidati 5 volte alla settimana, per informazioni occore inviare una mail a: pondspringdirector@gmail.com

In Georgia, i fans di Via col vento sono spinti irrimediabilmente a cercare Tara la piantagione dove fu ambientato il romanzo ma, ahimè, Tara non esiste. Fu solo il frutto dell’immaginazione di Margaret Mitchell e quindi non resta che visitare esempi simili. Come Stately Oaks Plantation che con tutta propbabilità, ispirò la Mitchell. Questa plantation home si trova a Jonesboro dove è possibile visitare anche il museo Road to Tara un museo che celebra la strada che Scarlett percorse per fuggire da Atlanta in fiamme.

Stately_Oaks

Per dormire in una plantation home possiamo andare a Savannah presso la Grove Point Plantation, più di 200 ettari compresi tra due fiumi con vegetazione lussureggiante e fauna selvatica. fu una proprietà perfetta per la coltivazione del riso. Purtroppo le strutture antebellum ( costruite prima della guerra civile) furono distrutte dalla battaglia di Savannah e la proprietà fu quindi ricostruita ma l’antico fascino ancora riecheggia. Grove Point fu la location del film con Gregory Peck “Cape Fear” del 1962 e ad oggi è possibile dormire in una delle 3 suites.

Grove Point

Schermata 10-2458030 alle 10.19.35

 

The Reynolds Mansion e Plum Orchard Mansion sono tra le homes plantation più selvagge. La prima fu una piantagione di cotone, riso e canna da zucchero e dimora dal 1810 fino alla Guerra Civile di Thomas Spalding architetto e uomo di stato. Per la gioia di noi viaggiatori è ora un bellissimo b&b con 13 stanze. Al suo interno si trova una biblioteca con i volumi della collezione privata di Mr. Reynolds, all’esterno è un sogno il giardino con sentieri che conducono alle chilometri che spiagge dell’Oceano Atlantico.

the-reynolds-mansion-bb

 

Linda1-1030x687

 

Plum Orchard Mansion a Cumberland Island è una magione costruita da Lucy Carnegie per il figlio e la mogli ed offre uno sguardo allo stile di vita di una delle famiglie più ricche d’America tra la fine del XIX sec e l’inizio del XX sec. Si effettuano tour con Ranger

 

Nell’affascinante stato della Lousiana, le più belle case padronali con annesse proprietà terriere in cui si coltivavano cotone, canna da zucchero ed allevamenti di bestiame, si trovano lungo un percorso chiamato “River Road”, 70 miglia circa comprese tra Baton Rouge e New Orleans, proprio lungo le sponde del fiume Mississippi.

Schermata 10-2458030 alle 11.20.23

Da non perder per nessun motivo Oak Alley Plantation, una piantagione antebellum del 1839 dove è possibile, attraverso tour guidati, visitare gli alloggi degli schiavi. All’interno della tenuta 28 quesrce secolari sono l’icona di un’epoca senza precedenti. Qui furono ambientate alcune scene del film “Intervista col vampiro” ed è possibile soggiornare gustando la vera cucina creola.

oak alley

 

 

La più grande magione antebellum del Sud è Nottoway Plantation dove si coltivava canna da zucchero. Completata nel 1859 ha ben 64 stanze, 7 scale e 12 camini! Si effettuano tours guidati ogni giorno ed è possibile visitarla in autonomia con audioguida.

 

Infine vi parlo del South Carolina partendo dalla speciale Ashley River Road dove uno statuto del 1721 proibì di tagliare le piante lungo la strada, molte di queste quindi, risalgono all’epoca prima della Guerra Civile.

Ashley-River-Road

 

La mia plantation preferita è Rose Hill, del 1850 in stile gothic revival : è una bellissima residenza privata a Bluffton che offre un solo tour guidato pomeridiano con prenotazione obbligatoria.

Rosehill-2013

 

Middleton Plantation è il luogo dove Arthur Middleton firmò la Dichiarazione d’Indipendenza. Una bellissima magione di mattoni in stile Georgian del 1755. E’ circondata da giardini di incredibile bellezza ed è possibile pernottare e magiare nel ristorante.

Middleton plantation

 

Lo scrittore Mark Twain già da fine ‘800 aveva esaltato la bellezza che circondava molte delle plantations homes, per immergersi nelle atmosfere del tempo è consigliato leggere “Le avventure di Tom Sawyer” e “Le avventure di Huckleberry Finn”.

 

Fonte: VisitUSAItaly/TSUSA

 

Arianna