Le grandi mostre di fotografia di Milano

Il capoluogo lombardo ospita in questo periodo diverse mostre fotografiche di notevole interesse. Si tratta di occasioni uniche per osservare da vicino le opere di personalità di grande spicco nel panorama artistico internazionale: i nomi di Bailey, Brassai e Robert Capa sono infatti tra i protagonisti. Ma vediamo più nel dettaglio le tre mostre che consideriamo davvero imperdibili.

Milano mostre fotografiche

Partiamo con la personale dedicata a David Bailey, che si potrà visitare fino al 2 giugno 2015 presso il Pac – Padiglione d’Arte Contemporanea di Via Palestro 14. Il viaggio nell’universo del fotografo della Swinging London si snoda lungo un affascinante percorso espositivo, nel quale i ritratti di star della musica, della moda e del cinema mettono a nudo l’essenza dei personaggi. Potrete così ammirare da vicino le espressioni più vivide di personalità come la regina Elisabetta, Mike Jagger, Paul McCartney, Andy Warhol, Bob Dylan, Jack Nicholson, Grace Jones, Kate Moss e Johnny Depp, o ancora le storiche copertine dei dischi di Rolling Stones, Marianne Faithfull, Alice Cooper e Cat Stevens . A completare l’esposizione vi sono poi gli scatti di reportage realizzati in giro per il mondo, dal Sudan fino a Papua Nuova Guinea.

David-Bailey-–-Stardust-–-veduta-della-mostra-presso-il-PAC-Milano-2015

La poetica “Brassai. Pour l’amour de Paris” è invece allestita, fino al 28 giugno 2015, negli spazi di Palazzo Morando, in via Sant’Andrea 6. L’esposizione rende omaggio al grande fotografo di origini ungheresi e alla sua amata Parigi, offrendo l’occasione di ammirare 260 scatti che immortalano la maestosa bellezza della capitale francese: si passa dagli angoli più celati della città ai particolari delle espressioni dei suoi abitanti, creando un emozionante spaccato su Parigi, dagli anni ’20 agli anni ’70. A coronare il tutto una splendida iniziativa dell’Institut français di Milano, che propone una kermesse di proiezioni dedicate alla Parigi degli anni di Brassai (sala cinema di Corso Magenta 63).

BRASSAI-1

Concludiamo con un altro grande appuntamento che arricchisce la città di Milano dallo scorso gennaio: si tratta di Robert Capa in Italia – 1943-1944, una delle più importanti retrospettive mai dedicate a quello che è considerato il padre del fotogiornalismo. La collezione, che arriva direttamente dalla preziosa serie Robert Capa Master Selection III di Budapest, riunisce le intense immagini catturate dal fotografo durante la fase finale della Seconda Guerra Mondiale. L’esposizione è stata ospitata nelle sale dello Spazio Oberdan di Viale Vittorio Veneto 2 e si è potuta visitare sino al 26 aprile. A chi vuole godersi le mostre si consiglia di non aspettare oltre per prenotare un hotel a Milano: potete controllare se sono ancora disponibili delle offerte convenienti su piattaforme per la pianificazione dei viaggi on line (come questa), tenendo comunque presente che Milano economica non lo è mai – e lo è ancor meno in occasione dell’Expo.